Italian

Sanzioni relative alla gestione illecita degli investimenti: tutte le novità

Posted on by

Decree 50 Vietnam Investment finesA cura dell’Italian Desk di Dezan Shira & Associates

La recente elezione del primo ministro Nguyen Xuan Phuc ha dato nuova linfa al processo di aggiornamento legislativo. Siglato il 1 giugno 2016 ed effettivo dal 15 luglio 2016, il “Decreto 50” è ora un documento di fondamentale importanza per gli investitori. Il decreto regolamenta l’amministrazione di progetti pubblici di investimento, gli investimenti in Vietnam da parte di investitori locali o stranieri e le gare d’appalto. In ambito più tecnico, il decreto fa anche luce sul processo di  costituzione societaria in base ai diversi modelli di business.

Il Decreto 50 appare come uno sforzo per migliorare la struttura legale e l’apparato burocratico del Paese, così da renderlo ancora più attraente agli occhi degli investitori stranieri. Nonostante i precedenti successi nel richiamare investimenti diretti stranieri, la debole struttura legale del Vietnam e la macchinosa burocrazia, insieme ad una serie di altri fattori, hanno sempre costituito un limite al miglioramento del clima imprenditoriale. Questo decreto sembra un tentativo per migliorare la trasparenza nella registrazione societaria e nei processi operativi, attraverso la delineazione delle possibili fattispecie di violazione, delle corrispettive contravvenzioni e delle azioni correttive.

Continue reading…

Imposte in Vietnam: gli scenari per il 2016 e oltre

Posted on by

Vietnam Taxation 2016A cura dell’Italian Desk di Dezan Shira & Associates

Il governo vietnamita è stato spinto a potenziare le infrastrutture e ad incentivare gli investimenti. Ciò ha contribuito a rendere instabile la situazione finanziaria del Paese. La Trans Pacific Partnership (TPP) e l’EU-Vietnam Free Trade Agreement (EVFTA) rappresentano un’importante opportunità di guadagno per il governo ma, prima che l’aumento degli investimenti rimpingui le casse, sarà necessario un adeguamento delle imposte e quello della spesa pubblica. Dal punto di vista degli investimenti, la gestione di questo periodo avrà implicazioni fiscali sostanziali e potrà fornire un importante precedente circa la generazione di gettito.

Continue reading…

Città alla ribalta: opportunità di investimento ad Hai Phong

Posted on by

How to set up a company in Hai PhongA cura dell’Italian Desk di Dezan Shira & Associates 

Di: Erasmo Indolino e Beatrice Beardo

Hai Phong, la “fiammeggiante città rossa”, è uno dei principali poli industriali ed il più importante porto del Vietnam settentrionale in grado di gestire la maggior parte della capacità di trasporto dell’area (il 98 per cento nel 2014). Hai Phong è la terza area urbana dopo Ho Chi Minh City ed Hanoi ed è una delle cinque aree sottoposte al controllo diretto del governo centrale. È inoltre una delle città più popolose in Vietnam, con 1.946.000 abitanti censiti nel 2014. Hai Phong, similarmente a Nha Trang e Binh Duong, è un’economia in rapida ascesa: tra il 2008 e il 2014 la città ha contribuito ad aumentare il volume di produzione del nord Vietnam di ben l’88 per cento. Tale successo è certamente da ricercarsi nel fatto che la città è in una posizione costiera strategica, ma non bisogna sottovalutare anche il contributo apportato dagli investimenti fatti nelle infrastrutture e nei sette porti marittimi.

Continue reading…

Città alla ribalta: opportunità di investimento a Da Nang

Posted on by

Da NangA cura dell’Italian Desk di Dezan Shira & Associates

A Da Nang le poche tracce rimaste della base aerea americana sono un ricordo sempre più lontano mentre la città si risveglia, ogni giorno più indaffarata. Ad oggi, gli elevati tassi di crescita e di urbanizzazione che caratterizzano la città, i più alti del Vietnam, rendono Da Nang il terzo centro economico del Paese e, collocata strategicamente nell’area centrale costiera del Paese, la città è facilmente raggiungibile in autostrada, via nave e aereo che la collegano con il vicinato asiatico.

Continue reading…

Il Vietnam ridisegna la legislazione doganale e tributaria per potenziare la competitività

Posted on by

A cura dell’Italian Desk di Dezan Shira & Associates

vietnam_futureIl Vietnam cresce ed attrae. Per non interrompere questo trend, un Paese deve imparare dagli errori di altre realtà, creare un fondo di norme al passo con i tempi e favorire gli investimenti stranieri. Il legislatore vietnamita, già alle prese con varie riforme, mette ora mano alle norme doganali. La più recente produzione in tal senso è stata la Risoluzione n. 1134/QD-BTC, adottata il 23 maggio 2016 dal Ministero delle Finanze. In questo documento viene chiaramente descritta una strategia per la quale il Paese si impegna a dare attuazione alle precedenti risoluzioni n. 19/NQ-CP e n. 19-2016/NQ-CP, le quali hanno l’obiettivo di aggiornare le pratiche economiche e negoziali attualmente diffuse, semplificandole, e di rafforzare entro il 2020 la rilevanza economica del Paese nel suo contesto regionale. La risoluzione del 23 maggio 2016 ha come obiettivi primari quelli di (a) semplificare la legislazione tributaria e doganale, (b) iniziare ad utilizzare in maniera sistematica i database elettronici e (c) rendere di pubblico dominio e di comune applicazione la logica del meccanismo dello “sportello unico”. Se messe in pratica correttamente, queste proposte ridurranno drasticamente i costi richiesti e le tempistiche necessarie agli imprenditori per fare business in Vietnam.

Continue reading…

Un’introduzione sulle norme di origine per le esportazioni dal Vietnam

Posted on by

Rules of Origin VietnamA cura dell’Italian Desk di Dezan Shira & Associates

Per chi ha intenzione di  condurre attività di business sfruttando esportazioni esenti dai dazi ed un basso costo del lavoro, il Vietnam è la giusta destinazione. Nel 2015, il settore secondario ha rappresentato oltre un terzo del PIL del Paese e grazie alla recente stipula di una serie di accordi di libero scambio, inclusi l’European Union-Vietnam FTA (EVFTA) e la Trans-Pacific Partnership (TPP), questa quota si prospetta in aumento. Oltre agli accordi in discussione, il Vietnam beneficia già di FTA (Free Trade Agreement) in vigore con i membri dell’ASEAN, con la Cina, il Giappone, la Corea del Sud, l’India, la Nuova Zelanda, l’Australia e la Russia.

Continue reading…

Guida alla redazione di proposte di PPP e di studi di fattibilità in Vietnam

Posted on by

ppp_proposalsIl primo marzo 2016 il Ministro vietnamita della Pianificazione e dell’Interno ha emanato la Circolare 02/2016/TT-BKHDT sulla preparazione e valutazione delle proposte di progetti di partenariato pubblico-privato (PPP) e degli studi di fattibilità. La circolare 02, che descrive i requisiti specifici e i metodi di valutazione per entrambe le relazioni, va ad introdurre ed integrare la Legge sulle offerte approvata originariamente nel 2013 e il decreto n° 15/2015/ND-CP approvato a febbraio. Agli investitori che prendono in considerazione i progetti infrastrutturali in Vietnam come una potenziale opportunità è fortemente consigliata una conoscenza approfondita dei requisiti delineati in questa circolare. Per conoscere meglio gli accordi di PPP in Vietnam, si faccia riferimento ai nostri precedenti articoli introduttivi sui partenariati pubblico-privato e sui processi di aggiudicazione degli appalti.

Continue reading…

Gestire la contraffazione del nome aziendale in Vietnam

Posted on by

Fake Brands

Mentre il Vietnam continua at attrarre sempre più investimenti esteri dal resto del mondo, vi è un accorgimento importante a cui le aziende straniere devono porre attenzione: la proprietà intellettuale (intellectual property – IP). La nazione si trova infatti solo all’88° posto su 140 Stati in termini di protezione della IP e l’instabilità nelle politiche a riguardo è citata sempre più spesso come un aspetto preoccupante del fare business all’interno del Paese. 

Alle società manifatturiere che si riversano in Vietnam per i costi contenuti e la prossimità alla Cina, la protezione della IP potrebbe apparire come una questione poco rilevante ma, come vedremo, non è sempre così.

Continue reading…

Nuove modifiche alle imposte e alle norme fiscali in Vietnam

Posted on by

Vietnam Tax AlertLo scorso 6 aprile l’Assemblea Nazionale del Vietnam ha approvato alcune modifiche ad una serie di politiche fiscali di particolare rilevanza per coloro che hanno stabilito operazioni all’interno del Paese. Le modifiche coprono una vasta gamma di norme fiscali a cui è necessario prestare attenzione per evitare eventuali inadempienze.

In particolare, le norme oggetto di modifica includono l’imposta sul valore aggiunto (Value Added Tax, VAT), l’imposta speciale sui consumi (Special Consumption Tax, SCT) e l’amministrazione fiscale in generale. Le nuove norme entreranno in vigore il primo luglio a.c., mentre la presentazione di atti più specifici sarà effettuata nel corso dell’anno.

Continue reading…

Uffici di rappresentanza in Vietnam: un aggiornamento sui requisiti

Posted on by

Danang SkylineGli uffici di rappresentanza (in inglese Representative Offices) sono uno strumento efficace per gli investitori stranieri che intendono analizzare le tendenze del mercato vietnamita ed avviare una prima, sebbene limitata, cooperazione con le società locali. Tuttavia, rispetto alle società a capitale interamente straniero, gli uffici di rappresentanza presentano limitazioni maggiori in termini di operatività.

L’ufficio di rappresentanza è generalmente un’unità dipendente dalla rispettiva casa madre, a cui non è consentito stipulare contratti, generare profitti ed emettere fatture (in quanto non ha personalità giuridica).

Tuttavia, l’ufficio di rappresentanza può svolgere le seguenti attività: assumere personale locale e straniero (in modo diretto o attraverso agenzie interinali), prendere in affitto spazi operativi (limitatamente ad un ufficio per città o provincia), dotarsi delle attrezzature necessarie allo svolgimento delle sue attività, ottenere i timbri aziendali ed aprire conti bancari per scopi operativi.

Continue reading…

Scroll to top