Potenziale della blue economy in Vietnam e opportunità per gli investitori

Posted by Reading Time: 6 minutes

L’economia blu del Vietnam è un concetto relativamente nuovo che comprende le attività economiche legate agli oceani e ai mari, migliorando i mezzi di sussistenza e preservando la salute dell’ecosistema oceanico. Il mare e le aree costiere del Vietnam rappresentano circa il 47-48% del PIL del Paese. Vietnam Briefing evidenzia alcune caratteristiche distintive della blue economy e le opportunità per gli investitori.

Lo sviluppo della blue economy in Vietnam è un concetto relativamente nuovo, ma è necessario per affrontare i problemi ambientali, le emissioni e lo sfruttamento delle risorse naturali lungo le sue coste.

Che cos’è la blue economy?

La blue economy è un concetto relativamente nuovo. Significa garantire la crescita economica e lo sviluppo degli ecosistemi marini, assicurando al contempo uno sfruttamento ragionevole delle risorse naturali con un minore impatto ambientale. Significa anche la costruzione e lo sviluppo di infrastrutture adattabili ai cambiamenti climatici e alle condizioni meteorologiche estreme.

La Banca Mondiale descrive la blue economy come l’uso sostenibile delle risorse oceaniche per la crescita economica, migliorando al contempo i mezzi di sussistenza e preservando la salute dell’ecosistema oceanico.

La blue economy è quindi il punto centrale per consentire al Vietnam di raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) entro il 2030 con una visione al 2045, e l’ambiente è uno dei pilastri di questo sviluppo.

La blue economy contribuirebbe anche al raggiungimento degli obiettivi del Vietnam in materia di cambiamenti climatici. Studi recenti dimostrano che l’innalzamento di un metro del livello del mare avrebbe un impatto sull’11% della popolazione vietnamita e sul 7% dei terreni agricoli. A seconda della gravità dell’innalzamento del livello del mare, il cambiamento climatico potrebbe esporre il 38-46% della popolazione vietnamita a inondazioni.

Lo sviluppo della blue economy, tuttavia, deve basarsi su una crescita equilibrata di sei industrie: pesca e acquacoltura; petrolio e gas; energia marina rinnovabile; turismo costiero e marino; settore marittimo; ambiente ed ecosistemi.

Opportunità per lo sviluppo della blue economy in Vietnam

La lunga linea costiera del Vietnam è vantaggiosa perché si trova in prossimità di rotte marittime internazionali e regionali. Le aree costiere del Vietnam si trovano in zone ad alto tasso di crescita economica e fungono da ponte tra diversi partner commerciali regionali e rotte marittime.

Si tratta di condizioni favorevoli per lo sviluppo del settore marittimo, della cantieristica e dell’industria logistica del Vietnam, visti i 114 estuari e i 52 golfi profondi lungo la costa centrale (golfi, baie e lagune che si estendono per oltre il 60% della costa) e le oltre 100 posizioni per la costruzione di grandi porti marittimi.

Il Vietnam ospita numerose risorse naturali e contiene circa 35 minerali di vari gruppi: combustibili, metalli, materiali da costruzione, pietre preziose e semipreziose e minerali liquidi. Le miniere di sabbia sotto i fondali marini nella provincia di Quang Ninh e nella città di Hai Phong hanno un deposito di oltre 100 miliardi di tonnellate e quasi 9 miliardi di tonnellate rispettivamente.

Inoltre, il potenziale delle risorse d’acqua è significativo con diversi tipi di energia marina come l’idrato naturale, l’energia delle maree, l’energia del moto ondoso e l’energia nucleare ad acqua pesante.

Il Vietnam è anche ricco di risorse marine. Oltre al pesce, una delle risorse principali, ci sono molti elementi ad alto valore economico come gamberi, granchi, cetrioli di mare e alghe. Il deposito di pesce nelle aree marine del Vietnam è di circa 5 milioni di tonnellate all’anno, con un pescato annuale di circa 2,3 milioni di tonnellate.

Secondo il Ministero dell’Agricoltura e dello Sviluppo Rurale (MARD), la produzione annuale di acquacoltura marina dovrebbe raggiungere le 850.000 tonnellate e il fatturato delle esportazioni è stimato tra gli 800 milioni e il miliardo di dollari. Inoltre, i 3.260 km di costa e le migliaia di isole costituiscono condizioni favorevoli allo sviluppo del turismo marino in Vietnam. Lungo la sua costa, esistono circa 12 spiagge, alcune classificate tra le migliori al mondo.

Le zone costiere del Vietnam si trovano in una zona climatica tropicale e molte parti godono di lunghe ore di sole durante tutto l’anno, il che è ideale per i turisti, soprattutto quelli provenienti da Paesi con inverni rigidi.

Regolamenti che favoriscono lo sviluppo dell’economia blu

Il Vietnam ha lanciato molte strategie e politiche per contribuire alla transizione verso il “verde”, tra cui la Strategia nazionale sulla crescita verde 2021-2030 con una visione al 2050; la strategia sullo sfruttamento e l’uso sostenibile delle risorse marine e la protezione dell’ambiente marino fino al 2020, con una visione al 2030, tra le altre; e ha assunto molti impegni internazionali su ambiente e sviluppo, come l’impegno a zero emissioni di carbonio alla COP26.

Il Vietnam ha approvato diverse leggi e piani generali per l’attuazione di normative per la crescita verde, come il Piano d’azione nazionale sulla crescita verde, la Legge sul mare del Vietnam del 2012 e la Legge sulle risorse marine e insulari e sull’ambiente del 2015.

Inoltre, il 22 ottobre 2018 il governo ha emanato la risoluzione 36-NQ/TW sulla strategia per lo sviluppo sostenibile dell’economia marina del Vietnam fino al 2030, con una visione verso il 2045.

La strategia prevede che entro il 2030 i settori economici marini vengano sviluppati nel seguente ordine di priorità: turismo e servizi marini; economia marittima; sfruttamento del petrolio e di altri minerali marini; coltivazione e sfruttamento delle risorse marine; industrie costiere; energie rinnovabili e nuovi settori economici marini.

Si può osservare che ai settori economici ad alta intensità di risorse è stata data una priorità minore e sono stati sostituiti da quelli che risparmiano risorse naturali, come il turismo e l’industria marittima.

Il punto forte della strategia è l’inclusione dell’agricoltura e dello sfruttamento delle risorse marine. Inoltre, elenca l’industria delle energie rinnovabili e i nuovi settori economici marini, come l’energia eolica, l’energia solare in mare, l’energia delle maree e lo sfruttamento delle risorse della biodiversità marina (prodotti farmaceutici marini, crescita e lavorazione delle alghe).

È la prima volta che il Vietnam ha sviluppato piani relativi alla blue economy per sviluppare in modo sostenibile l’economia marina in linea con gli standard internazionali, il che dimostra l’obiettivo del Paese verso un’industria marina più sostenibile.

Opportunità per gli investitori

L’industria marittima

Gli investitori hanno attualmente molte opportunità di partecipare a progetti marittimi dopo l’approvazione del piano generale del Vietnam per lo sviluppo del sistema portuale.

Il piano generale per il periodo 2021-2030 fa parte dei cinque piani nazionali sviluppati dal Ministero dei Trasporti e approvati dal Primo Ministro. Il punto forte del piano generale è l’elenco di sette progetti di sviluppo infrastrutturale che utilizzano fonti di capitale non di bilancio.

Il capitale totale necessario per questi progetti nel periodo 2021-2025 è di circa 150,357 miliardi di VND (6,5 miliardi di dollari) e 146,643 miliardi di VND (6,3 miliardi di dollari) nel periodo 2026-2030. Tra questi vi sono progetti che stanno attirando particolare attenzione da parte di investitori nazionali e stranieri, come il porto di Lach Huyen, il porto di Tran De – Soc Trang, il porto di Nghi Son – Thanh Hoa, il porto di Cai Mep Ha e il sistema di porti poco profondi.

Anche l’industria navale è un settore potenziale dell’economia marina per gli investimenti, grazie a politiche e incentivi fiscali interessanti, di cui Vietnam Briefing ha parlato nell’articolo precedente.

Industria dell’energia eolica offshore

Un altro settore marino che può offrire un potenziale significativo per gli investitori stranieri è l’energia eolica. Si prevede che la capacità eolica totale aumenterà da circa 3GW nel 2021 a poco meno di 13GW entro il 2030; il governo intende inoltre sviluppare 21GW di eolico offshore entro il 2045.

Inoltre, il Vietnam è un leader della transizione energetica nell’ASEAN, in quanto il Paese ha in programma di sviluppare la sua capacità di energia eolica, superando i suoi vicini come la Thailandia e le Filippine.

Il Vietnam ha un vantaggio geografico, in particolare gli oltre 3.000 chilometri di costa con elevate velocità del vento, favorevoli allo sviluppo dell’eolico offshore.

Per quanto riguarda le politiche, a differenza di altri Paesi, come le Filippine, non ci sono restrizioni sugli investimenti diretti esteri. Gli investitori possono quindi avere il 100% di proprietà straniera.

Il Vietnam ha anche goduto di una generosa tariffa di 0,085 dollari/kWh per i progetti eolici, che ha contribuito a stimolare una raffica di sviluppi prima della scadenza di tale tariffa il 1° novembre 2021.

Turismo

Il turismo, un’altra industria marina che risparmia risorse, offre anche interessanti opportunità di investimento per gli investitori. Ciò si rivela fattibile ora che il Vietnam ha riaperto le frontiere dopo la pandemia, con la ripresa dei voli internazionali e l’eliminazione dei requisiti per il test rapido COVID-19 all’ingresso internazionale.

Secondo i dati dell’Ufficio generale di statistica (GSO), nei primi due mesi del 2022 i visitatori internazionali in Vietnam sono stati stimati in 49.200 arrivi, con un aumento del 71,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Molti progetti immobiliari di resort hanno annunciato politiche di investimento o aperto ufficialmente alla vendita sul mercato dall’inizio del 2022.

In particolare, le province centrali come Binh Thuan, Khanh Hoa e Thua Thien-Hue, note per essere il centro del turismo costiero, hanno introdotto molti progetti immobiliari su larga scala per soddisfare l’industria del turismo.

Punti di forza

Poiché il Vietnam mira a raggiungere lo stato di zero emissioni di carbonio entro il 2050, lo sviluppo sostenibile sarà il tema principale che riguarda tutti i settori economici del Paese, compresa l’economia marina. Pertanto, grazie alle politiche governative di sostegno del Paese e alle risorse naturali vantaggiose, la blue economy emerge come un’altra potenziale opportunità di investimento per gli investitori.

Vietnam Briefing è prodotta da Dezan Shira & Associates. Con uffici in Cina, Hong Kong, Vietnam, India, Indonesia, Singapore, Germania, Italia, Stati Uniti e Russia, Dezan Shira supporta gli investitori stranieri in Asia da tre decenni.

Hai una domanda su come fare affari in Asia? Contattateci all’indirizzo italiandesk@dezshira.com, o visitateci qui.

Leave a Reply

Your email address will not be published.