Un’introduzione alle industrie di importazione ed esportazione del Vietnam

Posted by Reading Time: 7 minutes
  • Mentre il Vietnam si trasforma in un hub manifatturiero globale, è emerso come un’efficace destinazione per strategie di delocalizzazione, la più rilevante nota anche come la strategia China+1.
  • Le ottimistiche proiezioni di crescita sono determinate per la maggior parte dall’attività di import-export del paese con la ripresa dell’economia globale.
  • Vietnam Briefing mette in evidenza una panoramica delle industrie principali per le attività di importazione ed esportazione.

Con i suoi costi crescenti, la Cina non è più la destinazione preferita di molte imprese, e il Vietnam è sorto come un serio concorrente nell’attrarre investimenti industriali. Le tendenze recenti mostrano che il numero di ordini che si spostano dalla Cina al Vietnam ha registrato un aumento significativo.

Per esempio, il Delta del Fiume delle Perle in Cina, a lungo conosciuto come uno dei centri manifatturieri chiave per i produttori in tutto il mondo (in particolare quelli di Hong Kong) è ora diventato troppo costoso per molte aziende per rimanere nella regione.

Negli ultimi anni, un numero crescente di imprese ha trasferito le proprie operazioni dalla Cina al Vietnam nel tentativo di sfuggire ai costi crescenti e a un ambiente normativo sempre più complesso.

Data la recente guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti, insieme ai recenti accordi di libero scambio del Vietnam come il RCEP, l’EVFTA e l’UKVFTA, il paese sta diventando sempre più aperto al commercio internazionale e agli investimenti.

Situato in una posizione strategica per le aziende straniere con operazioni in tutto il sud-est asiatico, il Vietnam è un hub di esportazione ideale per raggiungere altri mercati ASEAN.

Rispetto ad altri mercati in via di sviluppo nella regione, il Vietnam sta emergendo come chiaro leader nella produzione e nell’approvvigionamento a basso costo, con il settore manifatturiero del paese che rappresenta il 25% del PIL totale del paese nel 2021.

Attualmente, il costo del lavoro in Vietnam è circa il 50% di quello della Cina, con 2,99 dollari all’ora rispetto a 6,50 dollari all’ora rispettivamente, e circa il 40% di quello riportato in Thailandia e nelle Filippine. Con la forza lavoro del paese che cresce ogni anno, i lavoratori vietnamiti sono relativamente poco costosi, giovani e, sempre più, altamente qualificati.

Un’altra forza trainante della crescente popolarità del Vietnam è la partecipazione in numerosi accordi di libero scambio.

Il RCEP, che è entrato in vigore il 1° gennaio 2022, ha anche favorito l’ingresso delle merci esportate dentro e fuori il Vietnam perché riduce i costi, migliora l’accesso al mercato e offre procedure doganali semplificate.

In termini di incentivi normativi e finanziari, il Vietnam è diventato sempre più favorevole agli investitori negli ultimi anni – il governo ha intrapreso azioni come la riforma del suo settore finanziario, lo snellimento dei regolamenti aziendali e il miglioramento della qualità della sua forza lavoro.

Dalla metà degli anni 2000, il governo vietnamita ha offerto incentivi finanziari estremamente competitivi alle imprese che cercano di avviare operazioni nel paese, oltre a una ritenuta alla fonte dello zero per cento sui dividendi trasferiti all’estero e una bassa aliquota dell’imposta sul reddito societario (CIT) del 20 per cento. Questi vantaggi hanno permesso al Vietnam di diventare una prima “economia di sourcing” agli occhi di molte aziende.

Stato attuale dell’economia del Vietnam

Il Vietnam sta sperimentando una forte crescita su più fronti. Di particolare interesse per gli investitori è stata la continua crescita del mercato interno del consumo del Vietnam, che si è sviluppato a passi da gigante.

Ci si aspetta che questa crescita continui ancora per lungo tempo – con incrementi dei consumi domestici ad un tasso del 20% all’anno. Con una popolazione di oltre 97 milioni di persone e la classe media in più rapida crescita del sud-est asiatico, il Vietnam rappresenta chiaramente un mercato importante per i beni stranieri. Rispetto al 2017, gli Stati Uniti hanno superato la Cina per essere il più grande mercato di esportazione del Vietnam.

Mercati di esportazione Valore dell’esportazione (2021)
USA 96,3 miliardi di dollari
Cina 56 miliardi di dollari
Corea del Sud 22 miliardi di dollari
Giappone 20,1 miliardi di dollari
Hong Kong 12 miliardi di dollari

 

Mercati di importazione Valore delle importazioni (2021)
Cina 109,9 miliardi di dollari
Corea del Sud 56,2 miliardi di dollari
Giappone 22,7 miliardi di dollari
Taiwan 20,8 miliardi di dollari
USA 15,3 miliardi di dollari

Fonte: Ufficio generale di statistica

Il panorama industriale

Mentre il Vietnam è ampiamente noto per essere un luogo privilegiato per gli investitori che operano nell’industria tessile, ci sono molte altre aree di business che stanno vedendo una crescita significativa nel paese. È interessante notare che il Vietnam è sulla buona strada per diventare un cluster chiave per la produzione di alta tecnologia, con aziende come Samsung, LG Electronics, Nokia e Intel che fanno investimenti multimiliardari nel paese. Altre aree di business includono la tecnologia dell’informazione e della comunicazione, l’automobile e i dispositivi medici.

Il commercio bilaterale tra il Vietnam e gli Stati Uniti ha raggiunto un nuovo record nel 2021, con un totale di 111,56 miliardi di dollari, quasi 21 miliardi di dollari in più rispetto all’anno precedente, secondo il Dipartimento generale delle dogane.

Gli Stati Uniti hanno anche il secondo più alto fatturato di import-export con il Vietnam con 100 miliardi di dollari, seguiti dalla Cina.

Esportazioni top Valore dell’esportazione (2021)
Telefoni 57,5 miliardi di dollari
Prodotti elettronici/computer 50,8 miliardi di dollari
Macchinari 38,3 miliardi di dollari
Tessile 32,8 miliardi di dollari
Calzature 17,8 miliardi di dollari

 

Importazioni top Valore delle importazioni (2021)
Prodotti elettronici/computer 75,4 miliardi di dollari
Macchinari 46,3 miliardi di dollari
Telefoni 21,4 miliardi di dollari
Tessuti 14,3 miliardi di dollari
Plastica (in forma primaria) 11,7 miliardi di dollari

Tessile e abbigliamento

Il settore tessile si colloca costantemente tra le principali industrie di esportazione del Vietnam, con più di 6000 aziende di produzione di tessuti e indumenti, che impiegano più di 2,5 milioni di lavoratori. La crescita dell’industria dell’abbigliamento è stata impressionante e gioca un ruolo importante nella crescita economica del paese. Nel 2020, il Vietnam ha superato il Bangladesh per diventare il secondo più grande esportatore mondiale di indumenti pronti (RMG). Inoltre, l’industria aveva una quota di mercato delle esportazioni del 7,05% nel 2020, un aumento dal 5,54% del 2016.

La Cina è l’unica nazione che supera il Vietnam in termini di esportazioni nette di indumenti negli Stati Uniti. Tuttavia, i produttori e gli investitori si stanno orientando verso il Vietnam dove le condizioni di insediamento sono economicamente più convenienti che in Cina.

All’interno dell’ASEAN, il Vietnam è il concorrente più forte per aver ereditato dalla Cina la produzione di tessili e abbigliamento a basso valore aggiunto. In contrasto con gli altri principali esportatori tessili della regione (Indonesia, Tailandia, Malesia), la quota delle esportazioni tessili del Vietnam rispetto alle sue esportazioni totali è cresciuta negli ultimi anni.

Elettronica

Il Vietnam è emerso come un importante esportatore di elettronica, con i prodotti elettrici ed elettronici che hanno superato il caffè, i tessili e il riso per diventare la prima voce di esportazione del paese. Samsung è il più grande esportatore del Vietnam e ha aiutato il paese a raggiungere un surplus commerciale per la prima volta in molti anni.

Le esportazioni di smartphone e componenti di computer ora rappresentano un fatturato superiore alle esportazioni di petrolio e abbigliamento. Samsung ha trasformato il Vietnam in una base di produzione globale per i suoi prodotti, producendo quasi un terzo della produzione dell’azienda. Samsung ha investito oltre 17,5 miliardi di dollari nel paese fino al 2021.

Samsung ha anche accettato di cooperare con il governo vietnamita per aiutare a sviluppare le industrie di supporto interne al paese. Questo rappresenta un’opportunità di business chiave per le aziende tecnologiche straniere per stabilire operazioni in Vietnam e vendere i loro componenti ad aziende dell’elettronica come Samsung.

Prodotti farmaceutici

Il futuro sembra essere molto interessante per l’industria farmaceutica in Vietnam. Si prevede che il mercato farmaceutico vietnamita aumenterà a 7,7 miliardi di dollari nel 2021 e a 16,1 miliardi di dollari nel 2026. A guidare questa crescita del mercato è l’obiettivo del governo vietnamita di raggiungere la copertura sanitaria universale, combinato con un mercato crescente di consumatori che vogliono un‘assistenza sanitaria accessibile.

Secondo IQVIA (2021), nel 2020, il volume dell’industria era di 6,4 miliardi di dollari. In tutto il paese, ci sono circa 250 fabbriche di produzione, 200 unità di import-export, 4.300 grossisti e altri 62.000 rivenditori per l’industria farmaceutica.

Automotive

Il Vietnam sta diventando un mercato importante per le vendite di automobili: il mercato automobilistico vietnamita dovrebbe vendere tra 1,7 e 1,85 milioni di unità entro il 2035. Nel prossimo futuro, si stima che saranno vendute 750.000-800.000 unità entro il 2025.

Anche se il tasso di proprietà di auto pro capite della nazione è ancora molto più basso di altri mercati in Asia (solo circa il 5,7% delle famiglie vietnamite possiede un’auto nel 2020), il Vietnam è ancora uno dei paesi con il potere d’acquisto di auto personali in più rapida crescita negli ultimi dieci anni. Il 9% delle famiglie vietnamite dovrebbe possedere un’auto entro il 2025 – equivalente al livello attuale di India e Filippine. Entro il 2030, la proprietà dell’auto raggiungerà il 30 per cento. Gli sgravi fiscali sulle auto importate e l’aumento del reddito sono attribuiti alla crescita.

Nonostante un mercato automobilistico sempre più competitivo in tutta la regione ASEAN, il Vietnam ha dichiarato che intende lavorare aggressivamente per costruire la propria industria automobilistica nazionale. Tra le ragioni chiave di questo obiettivo c’è il fatto che l’industria automobilistica ha il potenziale per creare migliaia di posti di lavoro per i lavoratori locali e creare un forte sistema di industrie di supporto.

Inoltre, le case automobilistiche vietnamite, come VinFast, hanno anche iniziato a lanciare alcuni primi modelli di automobili sul mercato estero, segnalando un futuro promettente per le auto esportate dal Vietnam.

Caffè

Il Vietnam è attualmente il secondo più grande esportatore di caffè al mondo, dietro solo al Brasile. Nel 2021, il valore delle esportazioni di caffè del Vietnam ha raggiunto i 3,1 miliardi di dollari. L’industria gioca un ruolo importante nell’economia agricola del Vietnam ed è un’industria orientata all’esportazione, con più del 90% del volume di produzione esportato. Per aumentare il suo valore, il governo ha promosso il passaggio dall’esportazione dei chicchi al caffè lavorato.

Molti esperti credono che il Vietnam abbia il potenziale per superare il Brasile grazie alle sue condizioni climatiche favorevoli e alla produzione a basso costo.

Commercio elettronico

Il Vietnam sta rapidamente diventando un mercato primario per gli investimenti stranieri nelle attività di e-commerce. L’economia in rapida crescita del paese e la classe media stanno, a loro volta, generando una forte cultura del consumo e livelli crescenti di reddito disponibile. La pandemia ha accentuato la domanda di vendita al dettaglio elettronica mentre la consegna, il ride-sharing e i portafogli elettronici diventano gradualmente una norma per i vietnamiti, specialmente tra i giovani.

Il commercio elettronico del Vietnam è aumentato del 18% fino a 11,8 miliardi di dollari nel 2020, rendendolo l’unico paese del sud-est asiatico a osservare una crescita a due cifre durante la pandemia. Questo apre una prospettiva di boom per la crescita dell’e-commerce del paese.

Essendo un firmatario di 13 accordi di libero scambio, il Vietnam fornisce anche condizioni favorevoli per gli investitori per iniziare un business nel commercio elettronico con tariffe doganali ridotte o nulle sulle merci importate o esportate da altri paesi.

Vietnam Briefing è prodotta da Dezan Shira & Associates. Con uffici in Cina, Hong Kong, Vietnam, India, Indonesia, Singapore, Germania, Italia, Stati Uniti e Russia, Dezan Shira supporta gli investitori stranieri in Asia da tre decenni.

Hai una domanda su come fare affari in Asia? Contattateci all’indirizzo italiandesk@dezshira.com, o visitateci qui.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.