Parchi industriali del Vietnam: Scegliere la posizione giusta per il tuo investimento

Posted by Reading Time: 6 minutes

Nonostante le diverse sfide dovute ai complicati sviluppi della pandemia COVID-19, il Vietnam ha continuato a raccogliere segnali positivi dagli investimenti stranieri nel 2021.

Secondo il Ministero della Pianificazione e degli Investimenti (MPI), nel 2021, il Vietnam ha registrato 1.738 progetti di IDE ai quali è stata attribuita una nuova licenza, in calo del 31,1 percento rispetto al 2020, ma il capitale registrato complessivamente dai nuovi progetti ha raggiunto 15,2 miliardi di dollari, in aumento del 4,1 per cento rispetto all’anno precedente.

In particolare, le zone economiche e i parchi industriali hanno attirato 539 progetti di IDE e 615 progetti di investimento nazionali con un capitale registrato pari a circa 12,8 miliardi di dollari, in aumento del 15% rispetto al 2020.

Negli ultimi anni, il Vietnam ha costantemente offerto politiche preferenziali per incoraggiare gli investimenti nei parchi industriali. Pertanto, i parchi industriali costituiscono un posizionamento ideale per gli investitori che vogliano iniziare operazioni commerciali nel Paese.

Cosa sono i parchi industriali?

I parchi industriali (IP) o le zone industriali (IZ) sono autorizzati dal governo per gli investimenti secondo lo schema presentato dal MPI. Un parco industriale è un’area con un confine geografico definito, specializzata nella produzione di beni industriali e nella fornitura di servizi per la produzione industriale.

Il principale campo di produzione delle imprese nei PI è la manifattura ed i servizi accessori alla produzione industriale. Inoltre, ogni IP viene pianificato con propri settori e obiettivi per creare sincronizzazione e specializzazione nel processo produttivo delle imprese. Le imprese che installano i loro impianti di produzione all’interno dei parchi industriali godono di politiche preferenziali come l’esenzione e la riduzione dell’imposta sul reddito delle società e l’esenzione dall’affitto dei terreni.

Una Export Processing Zone (EPZ) è una zona industriale specializzata nella produzione di beni per l’esportazione, nella fornitura di servizi per la produzione di beni per l’esportazione e nelle attività di esportazione, ed è caratterizzata da confini geografici specifici. Ci sono solo quattro EPZ in Vietnam, di cui due sono completamente occupate.

Le imprese che producono al 100% per l’esportazione non hanno bisogno di essere stabilite in una EPZ per qualificarsi come una Export Processing Enterprise (EPE). All’interno dei parchi industriali, ci possono essere sottozone industriali per le EPE. Queste aree sono tipicamente separate dall’esterno da sistemi di recinzione, con accessi tramite porte d’ingresso e d’uscita, e soddisfano i requisiti relativi alla supervisione e al controllo da parte delle autorità doganali e delle relative agenzie funzionali.

Long Hau IP

Una zona economica (EZ) è un modello specifico di zona in Vietnam. Una EZ è caratterizzata da uno schema di investimento favorevole di un governo locale/regionale all’interno di un’area geografica specifica. Questa zona può essere organizzata in aree funzionali, tra cui aree non tariffarie, aree delimitate, aree industriali, aree di intrattenimento, aree turistiche, aree residenziali, aree amministrative, così come un’area di produzione di beni per l’esportazione.

Ci possono essere molti IP stabiliti in una EZ e la localizzazione in questi IP può aiutare le imprese manifatturiere a godere di consistenti benefici fiscali. Esempi di EZs includono Dinh – Vu Cat Hai Economic Zone che copre IPs come Deep C e VSIP e la Chu Lai Economic Zone nella provincia di Quang Nam che copre il THACO Chu Lai IP e il Tam Thang IP.

Alla fine del 2021, il Vietnam contava 564 IP inclusi nella pianificazione, con una superficie totale di 211.700 ettari. 398 IP sono stati installati con una superficie totale di 123.500 ettari, di cui 292 IP sono stati messi in funzione e 108 IP sono in costruzione. Il Vietnam ha 18 EZs localizzate in 17 province e città con una superficie totale (di terra e acqua) pari a circa 871.500 ettari.

Grandi investimenti

La quarta ondata della pandemia ha avuto un effetto significativo sulle imprese. La produzione e la situazione economica dei IP e delle EZ sono diminuite rispetto al 2020. In particolare, il fatturato generato dalle attività produttive è diminuito del 27% rispetto al 2020, mentre il fatturato delle esportazioni è diminuito dell’11% rispetto al 2020.

Per sostenere le imprese nel recupero della produttività, il governo ha rilasciato diversi pacchetti di sostegno, come una riduzione del 30% dell’imposta sul reddito delle società applicata a tutte le imprese che hanno avuto entrate inferiori a 8,8 milioni di dollari nel 2021. Altre misure di sostegno sono state emesse sotto forma di riduzioni degli affitti dei terreni, assicurazioni sociali, indennità di disoccupazione e pagamenti una tantum.

Quello che segue è un riassunto di alcuni grandi investimenti nei IP in Vietnam per il 2021.

Kraft Vina ha investito in una fabbrica da 611 milioni di dollari a Vinh Phuc

Il più grande progetto registrato nel 2021 nel Vietnam settentrionale si trova nella provincia di Vinh Phuc. La società tailandese SCG Packaging e la giapponese Rengo Company hanno investito insieme 611,4 milioni di dollari in una fabbrica di imballaggi di carta, che dovrebbe produrre 800.000 tonnellate di prodotti all’anno.

Il progetto occupa più del 60 per cento del parco industriale di Binh Xuyen e ha portato Vinh Phuc tra le prime tre località leader in Vietnam nell’attrarre nuovi progetti di IDE nel settore manifatturiero nel 2021.

LG Display aumenterà il suo investimento a Hai Phong ad oltre 2 miliardi di dollari

Il gigante elettronico sudcoreano LG ha aumentato il suo investimento nella città portuale settentrionale di Hai Phong con 750 milioni di dollari investiti a Febbraio e 1,4 miliardi di dollari ad Agosto 2021, aumentando l’investimento totale di LG Display in Vietnam a circa 4,65 miliardi di dollari.

Profondo C IP Hai Phong

L’investimento aumenterà la produzione di display OLED dell’azienda nella fabbrica di Hai Phong, situata nel Trang Due Industrial Park, dagli attuali 9,6 – 10,1 milioni di unità al mese, a 13 – 14 milioni di unità al mese.

Amkor Technology ha scelto Bac Ninh per l’espansione della fabbrica

Il fornitore americano di semiconduttori Amkor Technology investirà 1,6 miliardi di dollari da qui al 2035 per sviluppare un impianto di produzione, test e assemblaggio su un sito di 23 ettari nel parco industriale Yen Phong II-C, situato nella provincia di Bac Ninh, cluster di elettronica.

Saranno erogati 520 milioni di dollari fino al 2025, che si concentreranno sulla produzione, l’assemblaggio e il collaudo di materiali per semiconduttori per le aziende leader mondiali nella produzione di semiconduttori ed elettronica. L’impianto dovrebbe essere messo in funzione entro la fine del 2023.

LEGO costruirà una fabbrica da 1 miliardo di dollari a Binh Duong

La società danese di produzione di giocattoli LEGO Group ha firmato un memorandum d’intesa con il Vietnam – Singapore Industrial Park (VSIP) per costruire la nuova fabbrica nella provincia di Binh Duong, che è la sua prima fabbrica in assoluto a zero emissioni. Questa sarà la sesta fabbrica di Lego a livello globale e la seconda in Asia, con l’obiettivo di supportare Lego nell’espansione della sua rete globale di fornitura.

BW Industrial nella provincia di Binh Duong

Il progetto ha un investimento totale di più di 1 miliardo di dollari e si prevede che venga realizzato nella seconda metà del 2022 con l’inizio delle operazioni nel 2024. L’investimento è comprensivo della generazione di energia solare e dovrebbe generare 4.000 posti di lavoro nei prossimi 15 anni.

Long An licenzia una centrale elettrica LNG da 3 miliardi di dollari

La provincia meridionale di Long An ha autorizzato una centrale elettrica a gas naturale liquefatto da 3.000 MW che sarà costruita dalla sudcoreana GS Energy e dalla società di gestione di fondi VinaCapital. Sarà costruita nel Long An Southeast Asia Industrial Park su un’area di 90 ettari, includendo due centrali a ciclo combinato, Long An I e II.

I progetti delle centrali elettriche Long An I e II sono stati approvati dal 2016, utilizzando combustibile di carbone importato. Tuttavia, l’uso del carbone per la produzione di energia non è stato approvato dal Comitato Popolare e dalle autorità locali a causa delle preoccupazioni per l’inquinamento ambientale. Il Comitato Popolare della provincia di Long An ha quindi proposto di adeguare il progetto Long An I e II dall’uso del carbone al gas naturale liquefatto.

Prospettive per il 2022

Grazie al costo competitivo della manodopera, alle politiche fiscali e d’investimento preferenziali e alla sua posizione geograficamente strategica, il Vietnam è diventato una delle destinazioni preferite dalle multinazionali per la produzione e l’assemblaggio.

Nel prossimo anno, il Vietnam dovrebbe recuperare la crescita pre-COVID. Il ruolo del Vietnam come centro di produzione a basso costo dovrebbe continuare a crescere, aiutato dall’ulteriore espansione dei principali settori industriali esistenti. Inoltre, i recenti progetti infrastrutturali creeranno un traffico più conveniente che collega i parchi industriali con i porti marittimi. Si prevede che la domanda di affitto di terreni e di fabbriche già costruite aumenterà notevolmente nel 2022.

Vietnam Briefing è prodotta da Dezan Shira & Associates. Con uffici in Cina, Hong Kong, Vietnam, India, Indonesia, Singapore, Germania, Italia, Stati Uniti e Russia, Dezan Shira supporta gli investitori stranieri in Asia da tre decenni.

Hai una domanda su come fare affari in Asia? Contattateci all’indirizzo italiandesk@dezshira.com, o visitateci qui.

Leave a Reply

Your email address will not be published.